MARKETING MUSEALE - strategia marketing musei

Marketing Museale: Esempi di Strategie Marketing Museale

Marketing Museale – Strategie Marketing Museale

Per Farsi Trovare Online NON serve Creatività, ma un Piano di contenuti studiato a tavolino

Il sottotitolo puó sembrare provocatorio, ma descrive esattamente come noi pensiamo debba essere  eseguita la metodologia di un progetto online per il marketing museale e come costruire un piano di contenuti da distribuire attraverso il web per attrarre un numero maggiore di persone e di conseguenza aumentare il numero di vendite dei servizi collegati ai musei ed alle visite culturali.

MARKETING MUSEALE: PERCHÉ LA CREATIVITÀ È INSUFFICIENTE

E SERVE UN NUOVO PIANO DI POSIZIONAMENTO PER I MUSEI

Il Web non è un mezzo di comunicazione “push”, ma una struttura di reti connesse tra loro. Tra le tante reti connesse, esistono anche dei network (non canali) di comunicazione, ma il sistema di distribuzione di un contenuto attraverso i network interconnessi passa principalmente da 2 punti:

  1. Comunicati stampa tra agenzie media
  2. Ricerca da parte delle persone online

 

I comunicati stampa a mezzo web, sono gestiti attraverso le agenzie di pubbliche relazioni, oggi anche Digital Pr Agency, ma la forma, la struttura ed il modus operandi è sempre lo stesso di 50 anni fa. Non è il contenuto più creativo che passa per primo, ma la fonte più rilevante rispetto agli stakeholder di riferimento.

 

MARKETING PER I MUSEI: COME CONVINCERE PIÙ PERSONE A VISITARE I MUSEI

“MANIPOLANDO” LA RICERCA ONLINE E LA PIRAMIDE DI CONTROLLO ROVESCIATA

La ricerca da parte delle persone, capovolge la piramide di “controllo” dell’informazione.

Non sono più solo le agenzie media a dettare l’agenda setting, ma sono anche le persone che vanno a “cercare” (in maniera più o meno arbitraria) l’informazione attraverso i motori di ricerca online.

I motori di ricerca selezionano i contenuti che sono pubblicati online, quindi l’informazione, attraverso i siti web “accessibili” ai motori di ricerca.

I motori di ricerca non sono altro che delle macchine che devono utilizzare un criterio di “qualità” per stabilire quale sia il contenuto più “rilevante” rispetto ad “una rete complessa” di contenuti similari e fare in modo che ad una specifica ricerca corrisponda una lista di possibili fonti di informazione coerenti.

I motori di ricerca, quindi, non sono in grado di valutare la “creatività” di un contenuto, ma riescono a stabilire quale sia il contenuto che è più “pesante” (rilevante e coerente alla ricerca) rispetto agli altri.

Nel caso dei musei, oltre a ricerche specifiche e univoche che riguardano i singoli musei, cosa cercano le persone che viaggiano in un territorio?

Come sfruttare tutte le ricerche di informazioni correlate ai viaggi che possono generare “nuovi” visitatori nei musei?
Questo è il compito di chi, come noi, studia progetti a tavolino per spostare l’interesse dell’informazione attraverso modelli di comunicazione “user oriented”.

 

LA CREATIVITÀ “PROGRAMMATA” PER PORTARE LE PERSONE NEI MUSEI

Ma le persone non sono macchine, apprezzano la creatività! – direte giustamente voi, ed io lo confermo, ma siccome un contenuto creativo che viene distribuito online, per essere apprezzato deve prima essere trovato, sarete d’accordo con me che la creatività è successiva alla metodologia ed alla tecnica.

 

La creatività online NON sta nei contenuti, ma nella strategia per farsi trovare dalle persone.

 

Bisogna staccarsi dal concetto della “pubblicità” e della comunicazione mainstream ed avvicinarsi al modello di comunicazione relazionale.

Questa piccola precisazione è importante per comprendere meglio ciò che che leggerete di seguito, rispetto alla nostra partecipazione alla conferenza tenuta a Firenze su Museum Digital Transformation.

 

Museum Digital Trasformation: Perché abbiamo parlato di Tempo e di ROI di una strategia di marketing museale
Reportnotprovided analizza i micro dati (variabili algoritmiche) per misurare la forza di una rete di contenuti connessi tra loro.
Attraverso l’analisi dei micro dati riusciamo a sapere;

  1. Quali sono i siti web che attraggono maggiore attenzione per una determinata tematica;
  2. Attraverso quale strategia editoriale attraggono attenzione;
  3. Come strutturano la rete di contenuti interni ed esterni per farsi trovare nelle posizioni migliori degli altri;
  4. Come riescono a catturare più attenzione (lettori) di altri;
  5. Quali sono le tematiche correlate su cui vale la pena costruire informazione;
  6. Quanti soldi investono in azioni paid su Adwords;
  7. Quanto tempo è necessario per ottenere risultati misurabili;
  8. Quante risorse servono per raggiungere i vari obiettivi;

 

Di conseguenza riusciamo a costruire un piano marketing online, pianificare un piano editoriale costruito per generare una massa critica di persone da portare nei musei, preventivare il ROI dell’attività.

 

MARKETING MUSEALE: ESEMPI

Presupposto;

Se faccio una ricerca online ho un’intenzione, piú o meno forte, di compiere un’azione successiva.

L’insieme delle ricerche, similari per intenzione, determina quella che in un mercato si definisce “domanda” ed i motori di ricerca mostrando possibili risposte sotto forma di risultati di ricerca, mettono a disposizione le differenti “offerte” rispetto alla domanda.

È chiaro questo passaggio? Se no possiamo approfondirlo.

 

Se l’obiettivo di un progetto di marketing culturale, nello specifico marketing museale, è quello di generare, ad esempio, maggiore interesse verso il Duomo di Firenze, oltre tutte le ricerche online dirette per cercare informazioni sul  Duomo di Firenze;

 

Quali sono tutte le altre ricerche che possono generare introiti per il Museo del Duomo di Firenze?

 

(Sto fantasticando, quindi prendete ciò che scrivo solo come un esempio per spiegare meglio il ragionamento)

Da un briefing con i responsabili marketing e comunicazione del Museo del Duomo di Firenze, potremmo valutare che le persone che utilizzano “intenzioni di ricerca” su “Cosa Vedere a Firenze” sono anche persone in target con il pubblico che visita i Musei, perché si presuppone che siano persone che hanno intenzione di visitare Firenze e stanno cercando di pianificare un percorso di visite in città. Per cui vale la pena intercettare la loro attenzione e proporre anche a loro la visita al Museo del Duomo di Firenze.

 

MARKETING MUSEALE: COME FARE

DAL POSIZIONAMENTO SUI MOTORI DI RICERCA AL POSIZIONAMENTO COMMERCIALE SFRUTTANDO I MOTORI DI RICERCA

 

Intercettare la loro attenzione, quindi aumentare le probabilità di incrementare la vendita di biglietti per il Museo del Duomo di Firenze, significa far trovare i contenuti che parlano del Museo del Duomo di Firenze in correlazione a queste ricerche.
Una ricerca possibile per intercettare questo pubblico potrebbe essere: Cosa vedere a Firenze

Solo questa ricerca viene cercata 12.100 volte al mese;

Mentre “Firenze Cosa Vedere” fa altre 6.600 ricerche mensili

 

Adesso abbiamo un dato utile, sappiamo quante volte vengono cercati questi 2 termini in Italia, 18.700 volte al mese, e possiamo stabilire che;

 

Fermandoci a queste 2 singole ricerche (per non appesantire il ragionamento);

Possiamo individuare 2 siti web che primeggiano sugli altri: 10cose.it e visitflorence.com

Solamente i contenuti posizionati in relazione delle 2 ricerce, “Cosa vedere a Firenze” e “Firenze cosa vedere”, generano un pubblico di lettori;

 

  • 5.000 lettori circa al mese (10cose.it)
  • 3.000 lettori circa al mese (visitflorence.com)

 

A questa analisi blanda si aggiunge la nostra analisi particolareggiata che ci permette di avere informazioni piú rilevanti.

 

MARKETING REPORT: ANALISI DI REPORTNOTPROVIDED

La nostra metodologia di analisi consiste nell’esplorare questi 2 siti web, che riteniamo essere degli attrattori di pubblico, lo stesso che potenzialmente potrebbe comprare biglietti per il Museo del  Duomo di Firenze e stabilire in anticipo;

  1. Quali sono tutti gli altri termini di ricerca possibili che intercettano i 2 siti web presi in analisi (dati not provided);
  2. Quanto pubblico potenziale raggiungono;
  3. Quanto è necessario investire (in termini di struttura e contenuti) per riuscire a intercettare il loro pubblico di lettori;
  4. È sostenibile farlo (analisi del ROI)?
  5. Come è possibile comprendere, stiamo “manipolando” il modello di posizionamento commerciale tradizionale, per intercettare nuovi pubblici con l’intenzione di proporre loro la vista al Museo.

 

 

COME ANALIZZIAMO E FORNIAMO UN REPORT CHE DEFINISCE SE UN’ATTIVITÀ DI MARKETING ONLINE È EFFICIENTE O MENO

Lo facciamo sfruttando un sistema di ricerca che è fatto dalle persone, non usiamo canali di comunicazione, ma siamo in grado di analizzare i dati per sapere in anticipo dove conviene essere presenti e dove no.

La stessa tipologia di analisi ci permette di valutare quali siano realmente i siti web e/o i contenuti con cui è possibile stabilire delle partnership in affiliazione, creando “nuovi” modelli commerciali basati su una reale utilità e NON basati solo su “visite” dei siti web gonfiati da Analytics alterati dai Bot.

Tutte queste decisioni strategiche possiamo prenderle basandoci su dati obiettivi, anticipando gli investimenti e, dove necessario, decidere se cambiare investimenti per la strategia marketing.

 

LA PROVA DI COME FACCIAMO A SAPERE QUESTE COSE IN ANTICIPO

 

Oggi è giorno 6 Aprile 2017.

Questo articolo lo troverai a breve (circa 7 giorni) tra la prima e la seconda pagina dei risultati di Google cercando “Marketing Museale” e non semplicemente perché ho usato le parole chiave, sarebbe troppo facile,  ma perché abbiamo pesato la rete di contenuti delle pagine che oggi sono posizionate in relazione di questa ricerca.

Il nostro ROI è che con il costo di 2 ore per scrivere questo articolo riusciremo a raggiungere circa 50 lettori all’anno interessati a “Marketing Museale”.

Ovviamente questo è solo un esempio pratico di come sia possibile valutare tempi e costi di una strategia.
Il motivo per cui lo dichiaro prima è per dimostrarti che la nostra metodologia funziona e che possiamo applicarla per ottimizzare il posizionamento commerciale (diverso dall’attività seo) della tua struttura.

AGGIORNAMENTI TWITTER DAI MUSEI ITALIANI (INTEGRARE I SOCIAL AD UNA STRATEGIA MARKETING MUSEALE FA PARTE DI UN PIANO COMPLETO) – Segnala account twitter del tuo museo a @infonotprovided o scrivilo nei commenti e lo aggiungeremo allo streaming qui sotto 

LEAD GENERATION: LIBRO EBOOK
A COSA SERVONO I NOSTRI REPORT MARKETING, CONSULENZA DI MARKETING ONLINE E COME FACCIAMO ANALISI SEO

REPORT MARKETING VS KEYWORDS TOOLS

I nostri report marketing sono utili per gli uffici marketing che hanno necessità di conoscere i dati della concorrenza online.

La differenza tra il nostro servizio di report marketing e l’utilizzo dei tools per monitorare i dati online è che i keyword tools e tools per l’analisi seo sono “operatore dipendente”, i nostri report sulle statistiche ed i dati della concorrenza sono personalizzati sul tuo progetto e sui tuoi obiettivi.

STRUMENTI DI ANALISI SEO “OPERATORE DIPENDENTE” VS CONSULENZA CON MARKETING REPORT 

Se il tuo ufficio marketing deve definire il budget e le strategie marketing per l’azienda è necessario che debba avere dei dati di mercato puliti e privi di “rumore” determinato dalla complessità di indicatori. Per questo motivo abbiamo sviluppato un nostro modello di analisi basato su COSA STA FACENDO IL CONCORRENTE per poi definire COSA DEVO FARE PER BATTERLO ONLINE e soprattutto COME FARLO IN MANIERA SOSTENIBILE.

INBOUND MARKETING: COSA OFFRE REPORT NOT PROVIDED PER FARE INBOUND MARKETING

La nostra analisi e consulenza, di fatto, ti permette di sapere in anteprima se la strategia marketing è sostenibile per gli obiettivi che ti sei prefissato. Allo stesso modo si costruisce una strategia di inbound marketing efficiente, sfruttando sia i motori di ricerca che l’attività di comunicazione orientata sui contenuti che i tuoi concorrenti non stanno trattando o su cui è sostenibile la competizione. Leggi Esempio Inbound Marketing e Definizione

Non lo ipotizziamo, te lo dimostriamo con i numeri sul tavolo. Per questo forniamo un report marketing prima di farti la consulenza. Il report mostra i numeri chiari, puliti che tutti possono leggere, la nostra consulenza serve per supportarti (nel caso ne avessi bisogno) per ottimizzare la strategia in funzione dei numeri del TUO report marketing.

Unisciti al gruppo Facebook Contattaci
 
Inbound Marketing - Libro eBook

Libro Inbound Marketing – Versione eBook del Libro di Inbound marketing

Inbound Marketing Libro in versione eBook gratis

Questo ebook sull’inbound marketing ha lo scopo di approfondimento sul tema senza presunzione.

L’obiettivo dell’ebook gratuito è quello di aggiornarlo con nuove storie ed esempi sull’inbound marketing che spiegano sempre meglio l’efficienza della metodologia in ambito delle attività di marketing.
 
  DOWNLOAD EBOOK GRATIS   

Perchè Scegliere Di Avere Un Report Seo Completo Per Analizzare La Concorrenza Online

  • Perché non esiste nessun altro servizio seo che ti offre la stessa tipologia di analisi dettagliata
  • Perché la nostra metodologia di analisi abbatte del 90% i tempi che ogni consulente Seo impiega per fare un’analisi
  • Perché oltre al report ottieni un confronto seo avanzato per fare delle scelte strategiche
  • Perché 19 anni di esperienza online possono esserti di aiuto

Se Ti Occupi Di Seo, Ecco Cosa Puoi Ottenere Da Report Not Provided;

  • Report delle Query Not Provided ESATTE (calcolate matematicamente) – A partire da 500€
    • No Keyword Tool
    • Servizio report completo chiavi in mano
  • Mappa semantica dei contenuti rilevanti – A partire da 500€
    • Analisi Matematica delle correlazioni semantiche
    • Mentre tu ti occupi di altro, noi ti prepariamo lo schema editoriale preciso per battere i concorrenti
Vedi Offerte   Vedi Esempio Leggi Feedback

 

Servizi Aggiuntivi Per Web Agency o Azienda

  • Consulenza e Progettazione Sito Web – A partire da 1.800€
  • Check Up Sito Web – A partire da 500€
  • Analisi SEO – A partire da 500€
  • Consulenza Seo Avanzata – A partire da 100€ /ora

Tutti i prezzi esposti si intendono + iva 

Segui Report Not Provided  

Canale Youtube   Canale Telegram
Unisciti al nostro gruppo di discussione sulla SEO
 
10 commenti
  1. milenam
    milenam says:

    Questo articolo sul marketing museale l’ho letto con molto interesse.

    In particolare trovo che per fare davvero marketing museale serve seguire una strategia di marketing in linea con quella che è la domanda, quindi la ricerca online, come scritto molto bene nel post.

    Ad oggi chi fa marketing museale lo fa seguendo modelli di comunicazione poco dinamici, mentre seguire dei trend online può facilitare la possibilità di intercettare una domanda latente e trasformare la ricerca di informazioni in aumento di accessi al museo.

    Questo significa fare marketing museale!

    Bravi
    #consiglioweb

    Rispondi
    • Davide Puzzo
      Davide Puzzo says:

      Ciao Milena,

      Questa è solo una riflessione sul marketing turistico, ma il discorso può essere ampliato e ci piacerebbe farlo.

      Il post è in aggiornamento, se continuerai a seguirci ti segnaleremo ulteriori contenuti sul marketing museale

      Rispondi
  2. Stefano
    Stefano says:

    Ciao,

    mi piace questo post che parla di marketing museale, io lavoro con le associazioni e le fondazioni culturali e sono d’accordo nel trovare “nuove” strade di promozione per attrarre un pubblico che fa parte di una domanda non diretta.

    Del post mi piace il concetto di marketing museale inteso come metodologia che precede la creatività.

    Rispondi
    • Daniele Vinci
      Daniele Vinci says:

      Grazie Stefano,

      mi fa piacere ti sia piaciuto il post.

      Sì, parlare di marketing museale significa parlare di strategia marketing applicata agli obiettivi di un museo. nello specifico, uno degli obiettivi è incrementare le visite e per farlo serve individuare dove c’è la domanda anche indiretta.

      Per questo abbiamo parlato di metodo che precede la creatività.

      Rispondi
  3. Mariella
    Mariella says:

    Mi sembra di capire che per fare marketing museale attraverso delle attività web serva definire prima quale siano le “domande” a cui rispondere.

    Quindi il marketing museale, così come interpretato da voi, è un modello “relazionale” che offre risposte a delle domande, cercando di convergere attenzione e quindi facilitare l’offerta di servizi.

    Dico bene?

    Rispondi
    • Daniele Vinci
      Daniele Vinci says:

      Sì Mariella,

      il modello di marketing museale che descriviamo nel post è di tipo relazionale, ma basato su un sistema di analisi che servono per definire precisamente a quali domande valga la pena rispondere, definendo in anticipo costi, tempi e benefici dell’azione.

      Rispondi
  4. Sergio
    Sergio says:

    L’articolo mi sembra corretto dal punto di vista logico, ma il marketing museale di fatto passa attraverso le relazioni pubbliche, la costruzione di senso attraverso percorsi di avvicinamento alla cultura, la valorizzazione delle Opere dal punto di vista storico. Insomma, ciò che voglio dire è che l’arte non dovrebbe essere commercializzata, e il marketing museale non dovrebbe puntare alla vendita, ma ad offrire un’esperienza.

    Che ne dite?

    Rispondi
    • Daniele Vinci
      Daniele Vinci says:

      Ciao Sergio,

      condivido il tuo ragionamento. Quello che però noi abbiamo affrontato come argomento è la metodologia marketing e di conseguenza la abbiamo accostata ad un settore culturale come il museo. Certo parlare di marketing museale può sembrare una forzatura, ma la base del nostro ragionamento è che per offrire un servizio, in questo caso un’esperienza come bene dici tu, serve prima definire con un’analisi quali siano le risposte da dare ed a chi conviene darle, in termini di costruzione di contenuti.

      Fare questo con una metodologia, permette di risparmiare risorse ed agire in maniera più efficiente con una strategia di marketing, o marketing culturale che dir si voglia.

      Noi ci occupiamo di marketing online, in questo caso abbiamo trovato un modello di analisi e di strategia online che può favorire il posizionamento “semantico” (commerciale?) di un bene culturale come lo è un museo.

      Spero di aver spiegato meglio il ragionamento.

      Rispondi
      • Sergio
        Sergio says:

        Grazie Daniele per la pronta risposta,

        sì, adesso è più chiaro e condivido la metodologia per ottimizzare le risorse, anche per chi deve applicare una strategia di marketing per un museo.

        Rispondi

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *